Il climatizzatore acceso di notte fa male? Ce lo siamo mai chiesto entrando una camera fresca e condizionata preparandoci a dormire una notte di sonno altrimenti irraggiungibile?

In effetti ce lo siamo chiesto perché da un sondaggio dell'ANSA risulta che il 37% delle persone ritiene VERO che il climatizzatore può far male se tenuto acceso durante la notte, mentre per il restante 63% degli interrogati la considerazione è FALSA.

Nonostante questa consapevolezza rinunciare a quest’aiuto indispensabile sta diventando sempre più difficile, se non impossibile,

Per molte persone dormire con l'aria condizionata non è solo un lusso o una comunità ma una vera e propria necessità irrinunciabile. Lo sa bene chi abita in zone particolarmente calde e afose o chi vive in case difficilmente rinfrescabili per via della posizione o delle condizioni edilizie. Per non parlare di chi ha la camera in sottotetto o una mansarda su cui, durante il giorno, batte senza pietà il sole estivo portando la temperatura un livello simile a quello di un altro forno.

È evidente che in queste condizioni il sonno diventa impossibile e anche qualora si riuscisse ad addormentarsi si tratterebbe di un riposo di cattiva qualità.

Ecco, quindi, che di fronte alla domanda su quanto l'aria condizionata di notte faccio bene o male molti saranno tentati di rispondere con un’alzata di spalle perché, in ogni caso non c’è alternativa.

Non è possibile negare che, a volte, dormire con il condizionatore possa dar luogo ad acciacchi e malanni piuttosto fastidiosi.

Prima, però, di lasciarsi andare a facili allarmismi e di preoccuparsi di dover scegliere tra un torcicollo, un’infreddatura e i dolori articolari o, al contrario, una giornata trascorsa in condizioni da larva, facciamo un po' di chiarezza sulla questione e vediamo quali possono essere degli spunti per far sì che il benessere di un buon sonno possa convivere con quello della giornata che lo segue.

UNA PREMESSA IMPORTANTE

Come la maggior parte delle cose anche l'uso dell'aria condizionata di notte ha i suoi pro e i suoi contro.

Non staremo qui a ripetere la massima, già tante volte sentita, secondo la quale è nel mezzo che riposa la risposta corretta. Va da sé che un uso sbagliato del climatizzatore non può essere che nocivo. Il segreto, quindi, è impostare una temperatura non eccessivamente bassa rispetto a quella che c'è all'esterno e sfruttare l’impianto con moderazione.

ALCUNI SUGGERIMENTI

Detto questo, vediamo alcuni suggerimenti che posso aiutare a usare l'aria condizionata senza soffrirne le conseguenze durante il giorno.

  • - Imposta la temperatura 2,3 gradi al di sotto di quella esterna. Anche se ti sembra che in camera faccia caldissimo non esagerare con il freddo.
  • - Non direzionare il flusso d'aria fredda direttamente sul letto o su di te, ma piuttosto impostalo in uscita verso l'alto o attiva la funzione swing. In particolare, bisogna prestare attenzione a non direzionarlo sul viso perché il getto d'aria seccherebbe le mucose, lasciando la strada aperta a virus germi e batteri.
  • - Pulisci i filtri: un’accurata manutenzione ti aiuterà a non diffondere nell'aria particelle e microrganismi evitando eventuali problemi respiratori.
  • - imposta il timer: non c'è bisogno che il climatizzatore funzioni tutta la notte perché ad un certo punto la temperatura corporea si abbasserà naturalmente e tu potrai comunque dormire in maniera tranquilla e riposante
  • - Accendi il climatizzatore in camera prima di andare a dormire in modo che la stanza si rinfreschi per tempo e tu possa trovare una situazione confortevole quando decidi di andare a dormire. Questo impedirà di eccedere con la potenza e con il livello della temperatura impostata.